Ridurre al minimo le tasse sulle criptovalute: strategie di cancellazione delle perdite

Ridurre al minimo le tasse sulle criptovalute: strategie di cancellazione delle perdite

Nell'ambiente odierno caratterizzato da valori di asset digitali in calo, conti congelati e dichiarazioni di fallimento, se hai investimenti in asset digitali come valuta virtuale, criptovaluta o token non fungibili ( NFT ), potresti chiederti quando segnalare le perdite nella dichiarazione dei redditi .

L’IRS tratta le risorse digitali come proprietà. Le implicazioni fiscali di una transazione di asset digitali dipendono dalla sua destinazione d'uso. Se detieni o detieni risorse digitali come investimenti, queste sono classificate come beni capitali e si applicano norme fiscali specifiche per calcolare i profitti e le perdite derivanti da tali investimenti. (Nota: questo consiglio riguarda solo le risorse digitali detenute a scopo di investimento. Per le risorse detenute per altri scopi, consultare la pubblicazione IRS 544, Sales and Other Dispositions of Assets e l'avviso IRS 2014-21 per ulteriori dettagli.)

Come utilizzare le perdite crittografiche per abbassare le tasse?

Sì, puoi ammortizzare le perdite legate alle criptovalute sulle tue tasse. Le perdite legate alle criptovalute possono compensare le tasse sulle plusvalenze derivanti da vari asset, tra cui azioni, immobili e operazioni redditizie di criptovalute. Segnalare queste perdite nella dichiarazione dei redditi è essenziale, poiché può ridurre il reddito imponibile e comportare un notevole risparmio sulla bolletta fiscale.

Le perdite legate alle criptovalute possono anche compensare fino a 3.000 dollari di altre entrate all'anno, fornendo ulteriori sgravi fiscali. Se le tue perdite superano questo limite, puoi riportarle agli anni fiscali futuri per compensare i guadagni futuri.

In questa guida ti insegniamo come massimizzare i vantaggi fiscali derivanti dalle perdite di criptovaluta durante la stagione fiscale attuale e futura, aiutandoti a creare una strategia fiscale completa sulle criptovalute.

Passaggi per segnalare le perdite di criptovalute

Segnalare le perdite legate alle criptovalute sulle tasse è fondamentale per due motivi principali:

  • Requisiti IRS : l'IRS richiede di segnalare tutte le vendite di criptovalute, poiché considera le criptovalute proprietà.
  • Benefici fiscali : puoi utilizzare le perdite crittografiche per compensare le plusvalenze (comprese le plusvalenze future se è applicabile il riporto) e/o detrarre fino a $ 3.000 dal tuo reddito.

Esistono due modi principali in cui segnalare le perdite legate alle criptovalute può ridurre le tasse: attraverso le detrazioni fiscali sul reddito e la compensazione delle plusvalenze.

Detrazione dell'imposta sul reddito

Se si verificano perdite di capitale totali su tutte le attività, è possibile detrarre fino a $ 3.000 dal reddito. Se avessi plusvalenze totali su tutte le attività, non puoi detrarre queste perdite dal tuo reddito, ma puoi utilizzarle per compensare le plusvalenze da altre attività.

Le minusvalenze nette in eccesso possono anche essere riportate agli anni futuri per essere detratte dalle plusvalenze e fino a 3.000 dollari di altri tipi di reddito.

Compensazione delle plusvalenze

Indipendentemente dalla performance complessiva del tuo patrimonio, le perdite in valuta virtuale possono essere utilizzate per compensare altre plusvalenze, sia dell'anno fiscale corrente che degli anni fiscali futuri (se riportati a nuovo).

Esempio di compensazione delle plusvalenze :

  • Nel 2022, Tim ha registrato guadagni netti di $ 4.000 e perdite nette di $ 30.000, con una conseguente perdita di capitale complessiva di $ 26.000, che riporta nelle sue imposte sul reddito.
  • Nel 2023, ha un guadagno complessivo di $ 15.000. Può utilizzare $ 15.000 delle sue perdite di $ 26.000 dal 2022 per compensare completamente i suoi guadagni.
  • Nel 2024, Tim ha un guadagno complessivo di $ 20.000. Utilizza i restanti $ 11.000 delle sue perdite del 2022 per compensare alcuni dei suoi guadagni, riducendo il totale delle plusvalenze a $ 9.000.

La vendita strategica di asset in perdita per compensare i tuoi guadagni è chiamata raccolta delle perdite fiscali sulle criptovalute.

Le minusvalenze compensano le plusvalenze a breve o a lungo termine?

Le minusvalenze vengono inizialmente applicate per compensare plusvalenze della stessa natura. Le perdite a breve termine vengono prima sottratte dai guadagni a breve termine e le perdite a lungo termine dai corrispondenti guadagni a lungo termine. Se permangono perdite nette di uno dei due tipi, queste possono essere utilizzate per compensare i guadagni del tipo opposto.

Esempio di compensazione dei guadagni a breve e a lungo termine:

  • Plusvalenze a breve termine: $ 5.000
  • Perdite di capitale a breve termine: $ 7.000
  • Plusvalenze a lungo termine: $ 8.000
  • Perdite di capitale a lungo termine: $ 6.000

Passaggio 1 : applicare le perdite per compensare i guadagni della stessa natura.

  • $ 5.000 plusvalenze a breve termine - $ 7.000 minusvalenze a breve termine = - $ 2.000 perdite nette a breve termine.
  • $ 8.000 plusvalenze a lungo termine - $ 6.000 minusvalenze a lungo termine = $ 2.000 guadagni netti a lungo termine.

Passo 2 : Se ci sono perdite rimanenti di uno dei due tipi, applicale per compensare i guadagni del tipo opposto.

  • In questo esempio, abbiamo $ 2.000 in perdite a breve termine che possono compensare guadagni a lungo termine di $ 2.000, risultando in plusvalenze a lungo termine a fini fiscali.

Seguendo questi passaggi, puoi assicurarti di riportare accuratamente le tue perdite crittografiche e massimizzare i tuoi benefici fiscali.

Riduzione fiscale attraverso richieste di risarcimento per perdite di criptovalute

In teoria non esiste alcun limite a quanto puoi risparmiare sulle tasse segnalando le perdite crittografiche se disponi di plusvalenze corrispondenti da altre attività. I contribuenti statunitensi possono anche utilizzare le minusvalenze in criptovaluta per compensare il reddito ordinario, fino a 3.000 dollari all’anno.

Per richiedere una perdita, è necessario aver effettuato un evento imponibile sulla criptovaluta sull'asset, come la vendita, lo scambio con un'altra criptovaluta o la spesa in criptovaluta. In caso contrario, la perdita resta non realizzata e non può essere contabilizzata come minusvalenza.

Strategie di raccolta delle perdite fiscali sulle criptovalute

Con la raccolta delle perdite fiscali sulle criptovalute, puoi identificare gli asset invenduti che sono in perdita prima della fine dell'anno fiscale. Ad esempio, se hai investito in molte ICO, potresti detenere alcune monete che puoi vendere per reclamare una perdita e ridurre la tua responsabilità fiscale.

Dopo esserti assicurato di soddisfare le condizioni per la raccolta delle perdite fiscali, valuta la possibilità di utilizzare strumenti come la dashboard TokenTax Tax Loss Harvesting, che ti aiuta a realizzare rapidamente e facilmente le perdite per ridurre la tua responsabilità fiscale.

Guadagni compensati con perdite di criptovalute

Puoi vendere criptovalute in perdita e acquistarle di nuovo. Tuttavia, la vendita e il riacquisto di un asset entro 30 giorni è considerata una vendita di criptovalute. Negli Stati Uniti, le vendite di titoli non sono consentite per impedire ai contribuenti di rivendicare perdite artificiali e massimizzare i loro benefici fiscali.

Poiché la criptovaluta non è considerata un titolo, le vendite di lavaggio sono tecnicamente consentite per la criptovaluta. Ciò potrebbe cambiare in futuro, poiché politici e regolatori hanno indicato che la regola potrebbe essere estesa alle criptovalute. Ti consigliamo di utilizzare strategie più sicure per ridurre i totali delle plusvalenze.

Seguendo queste strategie, puoi utilizzare in modo efficace le tue perdite crittografiche per risparmiare sulle tasse e ottimizzare la tua pianificazione finanziaria.

Calcolo delle perdite sugli investimenti in criptovalute

Per calcolare le tue perdite di capitale in criptovaluta, segui la stessa formula utilizzata per i guadagni: Proventi - Base di costo = Perdita di capitale.

I " proventi " si riferiscono all'importo totale ricevuto dalla vendita o dalla cessione del bene, mentre la " base di costo " include il prezzo di acquisto originale più eventuali commissioni associate, come commissioni di transazione o gas. Se il risultato è negativo, indica una perdita.

Comprendere le plusvalenze e le perdite di capitale a breve e lungo termine

Le plusvalenze e le minusvalenze a breve termine derivano dalla vendita di attività detenute per un anno o meno. Questi vengono tassati come reddito ordinario, che nel 2022 potrebbe variare dal 10% al 37%.

Le plusvalenze e le minusvalenze a lungo termine derivano dalla vendita di attività detenute per più di un anno. Questi beneficiano di aliquote fiscali più basse, in particolare 0%, 15% o 20% per il 2022.

Esempio di calcolo di una perdita di capitale

Immagina di acquistare 5.000 UST su Coinbase per $ 5.000 e di sostenere una commissione di transazione dell'1% ($ 50), portando la base del costo totale a $ 5.050.

Dopo il crollo di Terra Luna, vendi i tuoi 5.000 UST per $ 100:

  • $ 100 (proventi) - $ 5.050 (base dei costi) = - $ 4.950 (perdita).

Questa perdita di $ 4.950 verrebbe riportata sulle tue tasse.

Compensazione di perdite e guadagni

Dopo aver calcolato le perdite e i guadagni derivanti dalle singole transazioni, è importante calcolare le plusvalenze o le perdite nette in conto capitale. Ciò comporta la somma di tutti i guadagni e la sottrazione di tutte le perdite. Se il totale è una perdita netta, hai la possibilità di riportarla avanti per compensare i guadagni futuri negli anni fiscali successivi, fino a $ 3.000 all'anno rispetto al reddito ordinario.

Questo processo non solo aiuta a gestire le passività fiscali, ma anche a pianificare la strategia di investimento per il futuro. Garantire calcoli accurati e comprenderne le implicazioni può aiutare in modo significativo a ottimizzare la tua posizione fiscale.

Nessun modulo fiscale? Dovresti comunque segnalare le perdite di criptovalute

In qualità di contribuente statunitense, è tua responsabilità rispettare le normative fiscali, che includono la segnalazione di tutte le tue transazioni crittografiche all'IRS , indipendentemente dal fatto che tu riceva moduli fiscali dagli scambi.

Sebbene piattaforme come Coinbase segnalino determinate attività degli utenti all'IRS, potrebbero non sempre fornire moduli fiscali direttamente agli utenti. Nonostante ciò, l’IRS può contattare gli investitori in criptovalute per garantire la conformità, a volte esortandoli a segnalare le loro transazioni o a pagare tasse aggiuntive.

Molti importanti scambi di criptovalute emettono moduli 1099 per gli investitori che guadagnano oltre $ 600 in premi, notificando così anche all'IRS queste transazioni. Tuttavia, non tutti gli scambi forniscono i 1099. In questi casi, l’IRS potrebbe utilizzare una convocazione John Doe – uno strumento investigativo sempre più utilizzato sotto l’amministrazione Biden – per raccogliere informazioni direttamente dagli scambi.

Moduli da utilizzare per segnalare perdite di criptovalute

Per segnalare perdite di criptovalute, dovresti utilizzare il modulo 8949 e l'allegato D del modulo 1040 . Il modulo 8949 viene utilizzato per segnalare ogni transazione crittografica entro l'anno fiscale. Se disponi di investimenti non crittografici, questi devono essere segnalati su moduli 8949 separati.

I tuoi guadagni e perdite aggregati a breve e lungo termine vengono quindi riepilogati nel modulo 1040 Programma D, dove puoi includere anche eventuali perdite riportate dagli anni precedenti.

Sfide legate alla segnalazione delle perdite fiscali sulle criptovalute

Segnalare le perdite di ogni operazione di criptovaluta può essere complesso e richiedere molto tempo. Inoltre, quando le criptovalute vengono trasferite tra portafogli o scambi (ad esempio, da Coinbase a Binance), può complicare il calcolo dei guadagni e delle perdite poiché gli scambi potrebbero non tenere traccia della base di costo originale delle monete trasferite.

Queste complessità sottolineano l’importanza di una meticolosa tenuta dei registri e possibilmente della ricerca di assistenza da parte di professionisti fiscali specializzati in criptovaluta per garantire rendiconti accurati e conformità con le normative IRS.

Necessità di documentazione IRS aggiuntiva per Crypto

Per affrontare le transazioni di criptovaluta non divulgate, l'IRS ha implementato una nuova domanda sul modulo 1040 riguardante le risorse digitali. Questa domanda impone agli individui di rivelare se hanno ricevuto, venduto, inviato, scambiato o altrimenti ceduto qualsiasi risorsa digitale durante l’anno fiscale.

La criptovaluta ricevuta come pagamento per i servizi deve essere dichiarata come reddito e tassata di conseguenza. Inoltre, se regali criptovaluta, potrebbe essere necessario segnalarla in una dichiarazione dei redditi se il suo valore supera determinate soglie. Per l'anno 2023, l'IRS ha fissato il limite di esenzione fiscale sulle donazioni a $ 17.000 per destinatario.

Sebbene sia spesso vantaggioso vendere le tue partecipazioni in criptovalute quando sono redditizie, esistono incentivi fiscali che possono ridurre l'impatto della vendita in perdita. Se trovi difficile affrontare le implicazioni fiscali della criptovaluta, potrebbe essere utile cercare l’esperienza di un professionista fiscale specializzato in transazioni di criptovaluta. Considerati i rapidi cambiamenti nelle linee guida e nei regolamenti dell'IRS riguardanti le risorse digitali, è fondamentale rimanere informati sulle ultime norme fiscali.

Inoltre, è importante tenere traccia di tutte le tue transazioni crittografiche durante tutto l'anno, poiché ciò aiuterà a ottenere rapporti accurati e potenzialmente a evitare conflitti con l'IRS. Strumenti e software automatizzati progettati per la conformità fiscale sulle criptovalute possono anche aiutarti a gestire e monitorare le tue transazioni in modo efficiente.

bottom

Ti ricordiamo che Plisio ti offre anche:

Crea fatture crittografiche in 2 clic and Accetta donazioni in criptovalute

12 integrazioni

6 librerie per i linguaggi di programmazione più diffusi

19 criptovalute e 12 blockchain

Ready to Get Started?

Create an account and start accepting payments – no contracts or KYC required. Or, contact us to design a custom package for your business.

Make first step

Always know what you pay

Integrated per-transaction pricing with no hidden fees

Start your integration

Set up Plisio swiftly in just 10 minutes.