Cosa sono i ponti a catene incrociate? Una guida dettagliata

Cosa sono i ponti a catene incrociate? Una guida dettagliata

Negli ultimi anni, il panorama delle blockchain pubbliche si è evoluto in modo significativo, con l’emergere di molte nuove blockchain abilitate ai contratti intelligenti, evidenziando la necessità di interoperabilità cross-chain all’interno dello spazio crittografico. Pionieri come Bitcoin ed Ethereum hanno fatto irruzione nel mainstream, ma presto hanno incontrato limitazioni in termini di velocità, scalabilità e transazioni cross-chain, che ne hanno ostacolato il pieno potenziale. Ciò ha portato alla nascita di soluzioni Layer 1 e Layer 2 , affrontando scalabilità e velocità ma introducendo nuove sfide, come la mancanza di comunicazione tra diverse blockchain.

L’avvento di numerose blockchain Layer 1 e Layer 2, ciascuna con i propri compromessi e capacità, ha reso il futuro multichain una realtà presente. Con l’espansione dell’ecosistema blockchain, c’è una crescente necessità di una maggiore interoperabilità tra queste diverse reti. Gli sviluppatori hanno creato diligentemente protocolli cross-chain e multichain per facilitare questa comunicazione e la guida approfondisce l'ecosistema cross-chain, evidenziando l'importanza e la categorizzazione delle applicazioni cross-chain.

Anche l’ecosistema Web3 si sta evolvendo in un ambiente multi-catena, con applicazioni decentralizzate distribuite su varie blockchain e soluzioni layer-2, ciascuna unica in termini di approccio alla sicurezza e alla fiducia. Con le continue sfide di scalabilità, si prevede che la tendenza verso un maggior numero di blockchain, comprese soluzioni di livello 2 e livello 3 e reti specifiche per le applicazioni, continuerà. Tuttavia, l’incapacità innata delle blockchain di comunicare in modo nativo richiede solide soluzioni di interoperabilità per realizzare il pieno potenziale di questo ecosistema multi-catena. Al centro di tutto ciò ci sono i protocolli di messaggistica cross-chain, che consentono ai contratti intelligenti di interagire oltre i confini della blockchain.

Nonostante i progressi innovativi, i cross-chain bridge, vitali per l’interoperabilità, sono stati obiettivi frequenti per gli hacker, sollevando dubbi sulla loro necessità e sicurezza. Questi ponti sono essenziali in un panorama in cui centinaia di blockchain con caratteristiche diverse esistono isolate, incapaci di comunicare o condividere dati in modo efficace. Ad esempio, gli utenti di Ethereum non possono interagire direttamente con la rete Bitcoin e viceversa. I bridge cross-chain servono a connettere queste reti disparate, consentendo il trasferimento di risorse e informazioni, facilitando così un accesso multi-chain veramente interoperabile ai protocolli e alle applicazioni decentralizzate ( DApp ).

Poiché il mondo blockchain continua ad espandersi e diversificarsi, la necessità e lo sviluppo di ponti a catena incrociata diventano sempre più cruciali. Non solo affrontano i limiti intrinseci delle prime blockchain, ma aprono anche la strada a un futuro multicatena più interconnesso e funzionale, nonostante le sfide e i problemi di sicurezza che devono essere continuamente affrontati.

blog top

Cosa sono i ponti a catene incrociate?

I ponti a catena incrociata, noti anche come ponti blockchain, fungono da infrastruttura vitale nell'ecosistema blockchain, consentendo trasferimenti senza interruzioni di risorse e informazioni tra reti indipendenti. Questa interoperabilità è fondamentale, poiché le blockchain, proprio come i silos, non hanno intrinsecamente la capacità di comunicazione diretta. Ad esempio, il Bitcoin nativo (BTC) non può essere utilizzato sulla rete Ethereum e viceversa, l’Ether (ETH) non può essere utilizzato sulla rete Bitcoin. Questo isolamento contrasta nettamente con i sistemi tradizionali come quello bancario, dove l’interoperabilità è più comune.

La crescente popolarità dei bridge blockchain è una risposta diretta all’espansione dell’ecosistema blockchain. Inizialmente gli utenti si affidavano prevalentemente a Ethereum per le applicazioni decentralizzate (dApp) o a Bitcoin per i trasferimenti di valore elevato. Tuttavia, le limitazioni delle blockchain più popolari come Ethereum hanno stimolato lo sviluppo di nuove piattaforme che offrono vantaggi come commissioni di transazione inferiori e maggiore velocità di trasmissione della rete. Nonostante questi progressi, la questione della portabilità delle risorse tra le reti blockchain più vecchie e quelle più recenti è rimasta un ostacolo significativo.

Ad esempio, spostare fondi da Ethereum a una rete Layer 2 come Polygon comporta tradizionalmente la conversione di ETH in MATIC attraverso scambi centralizzati, come Coinbase o Binance , prima di trasferirli alla rete Polygon. Il processo è altrettanto complicato quando si trasferiscono i fondi su Ethereum. I ponti a catena incrociata risolvono questo problema fornendo un meccanismo più semplice per il trasferimento di fondi tra reti diverse. Dal lancio di uno dei primi bridge, Wanchain , nel 2018, sono stati introdotti numerosi bridge, ciascuno con compromessi e casi d’uso unici.

Questi bridge fungono da “intermediari”, facilitando i trasferimenti di token, l’esecuzione di contratti intelligenti e gli scambi di dati tra due catene indipendenti. Ad esempio, un ponte a catena incrociata può consentire l’uso di Bitcoin sulla blockchain di Ethereum avvolgendo BTC. Questa interoperabilità migliora significativamente l’esperienza dell’utente, aumenta la liquidità per le dApp e migliora l’efficienza complessiva delle risorse.

Tuttavia, le blockchain intrinsecamente non possiedono la capacità di monitorare o interagire con altre reti, ciascuna delle quali opera secondo il proprio insieme di regole, strutture di governance ed elementi culturali. Questa mancanza di comunicazione inter-blockchain ostacola l’attività economica all’interno dell’ecosistema Web3, poiché le reti isolate funzionano effettivamente come economie separate senza connettività.

Per contestualizzare l’importanza dei ponti a catena incrociata, si possono paragonare le blockchain a diversi continenti separati da vasti oceani. Ogni continente può avere risorse e capacità uniche, ma senza infrastrutture che li colleghino, come ponti o tunnel, non possono trarre vantaggio dai reciproci punti di forza. Allo stesso modo, collegando blockchain distinte e soluzioni scalabili, l’intero ecosistema può sfruttare le qualità individuali di ciascuna rete, portando a un mondo digitale più interconnesso e prospero.

Come funziona un ponte a catene incrociate?

Il bridging tra catene, una componente essenziale dell'interoperabilità della blockchain, in genere comporta il blocco o la masterizzazione di risorse crittografiche su una catena e il loro sblocco o conio su un'altra. Questo processo, gestito da contratti intelligenti, è centrale per la funzionalità dei ponti cross-chain, che collegano blockchain indipendenti e consentono il trasferimento senza interruzioni di risorse digitali.

La maggior parte dei ponti a catena incrociata utilizzano il modello " Lock & Mint " o " Burn & Release ". Nel metodo Lock & Mint, i token vengono bloccati su una blockchain di origine (Chain 1) e un numero equivalente di nuovi token viene coniato sulla blockchain di destinazione (Chain 2). Al contrario, il metodo Burn & Release prevede la masterizzazione di token sulla Catena 2 per rilasciare o sbloccare le risorse originali sulla Catena 1, garantendo che la quantità e il valore dei token rimangano costanti in entrambe le catene.

In pratica, questo processo potrebbe assomigliare a questo: un utente, Alice, invia il Token A a un indirizzo designato su una blockchain di origine (come Ethereum), dove viene bloccato da un validatore o custode fidato. Di conseguenza, sulla blockchain di destinazione (come Polygon) viene coniata una quantità uguale di Token B che Alice può quindi utilizzare. Se Alice ha bisogno di tornare al Token A, le unità rimanenti del Token B vengono bruciate e il Token A viene rilasciato nuovamente nel suo portafoglio originale.

I ponti a catena incrociata non si limitano ai soli trasferimenti di token; possono anche facilitare la conversione dei contratti intelligenti e lo scambio di dati tra blockchain. Ad esempio, Bitcoin (BTC) può essere bloccato in un contratto intelligente per creare un importo equivalente in Wrapped Bitcoin (wBTC) sulla rete Ethereum, consentendo ai detentori di BTC di interagire con l'ecosistema di Ethereum.

Questi bridge sono disponibili in vari tipi, tra cui " Lock and Mint ", " Burn and Mint " e " Lock and Unlock ". Ogni tipo ha i suoi meccanismi specifici, ma generalmente ruota attorno al blocco, al conio e allo sblocco dei token per garantire liquidità e utilità attraverso le diverse reti blockchain.

Inoltre, i bridge cross-chain possono incorporare funzionalità di messaggistica dati arbitrarie, consentendo non solo il trasferimento di token ma anche di qualsiasi tipo di dato tra blockchain. Questi ponti di token programmabili consentono funzionalità più complesse come lo scambio di token, il prestito, lo staking o il deposito in un contratto intelligente sulla catena di destinazione.

In sostanza, i cross-chain bridge rappresentano un’infrastruttura critica nell’ecosistema blockchain, migliorando l’utilità dei token e facilitando la liquidità tra diverse reti. Il loro sviluppo è fondamentale per la crescita e l’efficienza del mondo blockchain, consentendo operazioni blockchain più interconnesse e versatili.

Quali sono alcuni rischi potenziali derivanti dall'utilizzo di ponti a catena incrociata?

I ponti a catena incrociata apportano numerosi vantaggi all’ecosistema blockchain, ma non sono esenti da rischi, tra cui furti, malfunzionamenti e suscettibilità agli hacker. Esaminiamo alcune delle vulnerabilità specifiche associate ai bridge a catena incrociata:

  • Rischio di furto di fondi : nei ponti in cui viene riposta la fiducia nei custodi, esiste il rischio che queste parti agiscano in modo dannoso e si approprino indebitamente dei fondi degli utenti. Per mitigare questo problema, alcuni ponti richiedono ai custodi di fornire un "vincolo" finanziario che può essere incamerato in caso di illeciti.
  • Problemi di vitalità operativa : la funzionalità di un ponte a catena incrociata dipende fortemente dalla partecipazione attiva di validatori o custodi. Se queste parti non riescono a svolgere il proprio ruolo, il ponte potrebbe diventare inoperativo, portando a potenziali problemi di censura o al congelamento dei beni degli utenti.
  • Vulnerabilità agli attacchi dannosi : sebbene i bridge decentralizzati tentino di ridurre al minimo i requisiti di fiducia e migliorare la sicurezza, non sono infallibili. Questi ponti spesso utilizzano oracoli e contratti intelligenti per i trasferimenti di risorse che, nonostante i loro vantaggi, non sono immuni da violazioni della sicurezza. In particolare, importanti episodi di hacking, come gli attacchi Poly Network da 600 milioni di dollari e Wormhole da 350 milioni di dollari, sono stati attribuiti allo sfruttamento dei punti deboli dei contratti intelligenti.
middle

Elenco dei ponti Blockchain più popolari

I ponti a catena incrociata svolgono un ruolo cruciale nel migliorare l’interoperabilità e la liquidità all’interno dello spazio crittografico. Tra i ponti più importanti ci sono Wormhole, Polygon Bridge, Harmony Bridge, Avalanche Bridge e Binance Bridge.

Wormhole , ora noto come Portal, è un protocollo di messaggistica che collega diverse catene, tra cui Solana, Ethereum e altre. Nonostante un grave attacco informatico, rimane popolare grazie alle sue ampie connessioni di rete e alle basse commissioni di transazione. Il portale si affida a validatori speciali, noti come Guardiani, per monitorare l'attività del bridge e verificare le richieste degli utenti.

Polygon Bridge collega la sidechain di Polygon con la rete principale di Ethereum, facilitando il trasferimento di token e NFT con commissioni di gas basse e maggiore sicurezza. Allo stesso modo, Harmony Bridge, utilizzando il suo bridge LayerZero, consente il trasferimento di risorse digitali tra le reti Ethereum, Binance Smart Chain e Harmony.

Avalanche Bridge è un protocollo importante per il trasferimento di token ERC-20 tra la catena C di Avalanche ed Ethereum. Utilizza un processo di blocco, convalida e conio di token incapsulati per facilitare questo trasferimento. Binance Bridge, dell'exchange leader Binance, offre uno Smart Chain Bridge Ethereum-BNB che supporta un'ampia gamma di conversioni di token e non addebita commissioni di transazione a parte le commissioni native del gas.

L'approccio unico di Polkadot coinvolge Parachains, con la sua catena di relè che consente il trasferimento sicuro di risorse tra di loro. Il bridge di Polygon si distingue anche per la sua integrazione con Ethereum e per la sua attenzione a commissioni basse e sicurezza. Il ponte di Avalanche è noto per la sua velocità ed è stato tra i primi innovatori nel settore.

Portal Token Bridge , nonostante le sue sfide, offre una solida esperienza di scambio incrociato ed elabora un numero significativo di transazioni con un valore totale elevato bloccato. Collega oltre dieci blockchain, tra cui Ethereum, BNB Chain e Polygon. Avalanche Bridge utilizza ChainBridge di ChainSafe e si affida ai Relayer per proteggere il bridge, aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza attraverso un processo di votazione.

Ciascuno di questi ponti, con le sue caratteristiche uniche e i suoi meccanismi di sicurezza, contribuisce in modo significativo all’ecosistema blockchain, consentendo trasferimenti di asset senza soluzione di continuità e migliorando la funzionalità complessiva e la fluidità dello spazio crittografico.

bottom

Ti ricordiamo che Plisio ti offre anche:

Crea fatture crittografiche in 2 clic and Accetta donazioni in criptovalute

12 integrazioni

6 librerie per i linguaggi di programmazione più diffusi

19 criptovalute e 12 blockchain

Ready to Get Started?

Create an account and start accepting payments – no contracts or KYC required. Or, contact us to design a custom package for your business.

Make first step

Always know what you pay

Integrated per-transaction pricing with no hidden fees

Start your integration

Set up Plisio swiftly in just 10 minutes.